Una Meravigliosa Pasqua ad Alghero

Pasqua ad Alghero. Vi racconto la nostra mini vacanza.

Ci sono luoghi magici, ogni persona ne ha uno. Ogni coppia, ogni famiglia ha il suo “posto del cuore”. Il nostro è sicuramente Alghero.

Ci sono stata tante volte, di passaggio, velocemente e per lavoro. Senza mai avere il tempo per godermela da ospite. Ma da quando ci ho passato del tempo insieme a mio marito mi è entrata davvero nel cuore.

Era il 2013, ci eravamo sposati da 24 ore e dopo averne dormito due, siamo partiti per tre giorni in solitudine da trascorrere nella nostra meta dei sogni. Volevamo ritagliarci un briciolo di tempo da dedicare a noi due prima di partire in crociera coi bimbi. Mai decisione fu più azzeccata.

Da quella volta ci siamo tornati ogni anno. E’ il nostro rituale.

Porto Turistico Alghero

Una Pasqua alternativa

Quest’anno abbiamo deciso di trascorrere lì la Pasqua. Siamo davvero stressati dai mille impegni e dalle infinite cose da fare, e avevamo davvero bisogno di staccare un po’ dalla quotidianità.

Le tre streghette non hanno voluto seguirci, volevano stare qui con i loro amici. Così abbiamo deciso di accontentarle potendo contare sulla nostra adorata nonna Marina, che ha badato loro durante la nostra assenza.

Siamo partiti sabato mattina, il tempo ci ha aiutati perché era stupendo. Alghero è a circa tre ore e mezzo d’auto dalla nostra città. Così ce la siamo presi comoda e ci siamo fermati a pranzo ad Oristano dai nostri amici Fabrizio e Federica.

Passando per Oristano non potevamo fare a meno di fare una capatina a Torregrande, facendo una passeggiata nella stupenda spiaggia.

Dopo pranzo abbiamo ripreso il viaggio e dopo circa due ore  siamo giunti a destinazione.

Spiaggia di Torregrande, Oristano

 

Finalmente Alghero

I nostri occhi si sono riempiti di una vista stupenda. Alghero come al solito ci ha accolti con i suoi colori, i suoi profumi e l’allegria nell’aria, sintomo di vacanza e di leggerezza.

La gioia è poi aumentata quando siamo giunti nel nostro albergo. Per la nostra mini vacanza siamo stati ospiti dell’ Alghero Vacanze Hotel. Favoloso! Ad accoglierci Francesca, gentilissima e attenta ad ogni nostra esigenza. Ci ha descritto i servizi che l’hotel ci avrebbe fornito, ed è stata anche un ottima consigliera sui luoghi da visitare.

Arrivati in stanza poi abbiamo trovato la sorpresa: la culla per Alex. Nonostante noi avessimo prenotato una tripla dato che il piccolo avrebbe dormito con noi, hanno comunque avuto la gentilezza di offrirci questo servizio e li ringrazio, perché comunque alla fine Alex ne ha usufruito.

La camera era davvero accogliente, pulita, con tv e wifi. In bagno poi non mancava proprio nulla dal bagnoschiuma alla cuffietta per la doccia. Ottimo direi.

Dopo aver sistemato le valige ed esserci dati una rinfrescata, ci siamo preparati e siamo usciti a goderci la città.

Porto Turistico Alghero

La nostra camera

Alghero Vacanze Hotel

In giro per la città

Alghero come al solito offre panorami mozzafiato, e passeggiate suggestive. Abbiamo iniziato il nostro tour della città dal Lungomare, dove abbiamo trovato un delizioso mercatino. Addentrandoci nel centro storico poi, all’interno delle mura risalenti all’incirca al XII/XIII secolo, abbiamo percorso tutti i più affascinanti vicoli, che ti riportano davvero indietro nel tempo. Modernizzati dalla presenza delle tante attività commerciali, ma con un’attenzione al passato che si percepisce dalla cura delle restaurazioni delle varie costruzioni storiche.

Qui ci siamo imbattuti in un delizioso negozietto di ricami, dove una simpaticissima e davvero bravissima signora eseguiva vere e proprie opere d’arte ricamando nomi o frasi su vari oggetti di uso quotidiano. Io naturalmente non ho saputo resistere e ho preso un bavaglino per Alex con ricamato il suo nome.

E naturalmente abbiamo fatto un salto anche nel famoso negozio di caramelle dei pirati.

Passeggiando tra le viuzze abbiamo poi notato le tante opere di abbellimento che si stanno facendo alla città, dato che a breve darà il via  alla centesima edizione del Giro d’Italia.

Dopo aver camminato fino ai Bastioni e goduto di un meraviglioso tramonto, siamo andati alla ricerca di un posto dove poter mangiare qualcosa.  Trovata una carinissima pizzeria, abbiamo gustato una pizza davvero ottima. Poi un buon gelato e di corsa a nanna perché per i bimbi non si può fare troppo tardi neanche in vacanza.

Mercatino Alghero

Prodotti Artigianali di Carta, Alghero

Caramelle dei Pirati, Centro Storico Alghero

Artigiana a Lavoro, Centro Storico Alghero

Decorazioni per Giro d’Italia, Alghero

Centro Storico, Alghero

Torre di San Giovanni, Alghero

Torre di San Giovanni, Alghero

Un pranzo speciale

Il giorno di Pasqua ci siamo svegliati presto per poter godere della città fin dalle primo ore del suo risveglio. Alghero è meravigliosa con le prime luci del giorno. Abbiamo fatto colazione in un bar sul lungomare, Anbarok e anche qui siamo stati accolti da cortesia e coccole.

Per pranzo avevamo già prenotato da Daniele, gestore del rinomato Movida. E’ la nostra tappa obbligata ad Alghero. E’ il nostro ristorante preferito in assoluto. Pochi posti possono vantare tutte le qualità del Movida. Cibo ottimo, rapporto qualità prezzo ineguagliabile, locale pulitissimo e attrezzato anche per i bimbi, personale cortese e attento. Panorama mozzafiato dato che è ubicato sui Bastioni Magellano, dai quali si può godere di una vista ampia della città. Per finire il gestore, Daniele, sempre gentilissimo e presente per i suoi clienti, con una discrezione e un’eleganza nel porsi che fa davvero sentire coccolati.

Per noi il Movida è una garanzia, se passate da Alghero ve lo consiglio vivamente.

Dopo aver consumato il nostro golosissimo pranzo a base di pesce, abbiamo deciso di raggiungere la baia di Porto Conte dal quale godere di panorami strabilianti e vedere più da vicino il promontorio di Capocaccia, che deve il suo nome alle battute di caccia al piccione che i notabili dell’800 compivano dalle barche nei periodi di bonaccia. Qui vi è anche la stazione metereologica e il faro che per la sua ubicazione, circa 186 m sopra il livello del mare è il più visibile da distanza di tutto il Mediterraneo e di tutta Italia.

Rientrando ad Alghero siamo passati per Fertilia, frazione della città che ho voluto rivedere, perché essendo stata fondata nel periodo Mussoliniano come la mia Carbonia, la ricorda tanto e volevo scattare qualche foto da mostrare alle mie bimbe.

Siamo andati su consiglio di Francesca, la nostra receptionist, allo sky bar dell’Hotel Catalunya. Un bar favoloso, situato al nono piano dell’albergo, dal quale abbiamo potuto godere di una vista spettacolare.

A tarda sera la temperatura è scesa parecchio, abbiamo così deciso di rientrare in albergo e di cenare in camera coi bimbi, che si sono così rilassati guardando un po’ di tv accoccolati con noi sul lettone.

Bar Anbarok, Alghero

Ristorante Movida, Bastioni Magellano, Alghero

Ristorante Movida, Alghero

Ristorante Movida, Alghero

Veduta esterna Ristorante Movida, Bastioni Magellano Alghero

Fertilia frazione di Alghero

Veduta Porto Conte

Veduta Porto Conte

Veduta Sky Bar Hotel Catalunya, Alghero

Tappa a Stintino

Anche il lunedì di Pasquetta è iniziato prestissimo, perché prima di rientrare a casa volevamo tanto vedere Stintino.

Così ci siamo organizzati per il pranzo comprando delle focacce sarde farcite dal Milese focacceria storica di Alghero, situata in una delle vie principali della città proprio davanti al porto turistico.

Dopo esserci organizzati per un buon pranzo ci siamo avviati verso Stintino. Non eravamo mai stati li, anche se grazie alla mia amica Anna e alle sue meravigliose foto e agli articoli che scrive per Itineramag ho imparato a conoscere questo territorio sotto ogni aspetto.

Arrivati a Stintino abbiamo scelto di recarci subito alla famosissima spiaggia della Pelosa, ed è proprio vera che è una delle spiagge più belle del mondo! Lo stesso Eros, 5 anni, ha esclamato un “OH MAMMA” vedendo la spiaggia e il meraviglioso panorama!

Abbiamo pranzato ed Eros e Papà hanno giocato anche col pallone vicino alla riva, Alex ha messo i piedini nell’acqua e abbiamo davvero riempito i polmoni di aria del mare.

Focacceria Il Milese, Alghero

 

Focacceria Il Milese, Alghero

Spiaggia La Pelosa, Stintino

Spiaggia La Pelosa, Stintino

 

Si torna a casa

Nel pomeriggio siamo ripartiti per tornare a casa, come dice Eros: ci mancano troppo le “sorelle” quando non sono con noi.

Abbiamo ricaricato le batterie per poter affrontare i nostri tanti impegni, per poter aspettare con meno ansia l’estate, e arricchito il nostro cassetto dei ricordi di nuove immagini e nuove esperienze.

Scoperto nuove amicizie e  luoghi sconosciuti.

E abbiamo salutato Alghero con la solita promessa di tornare al più presto, magari già questa estate e magari in sette.

Centro Storico Alghero

Centro Storico, Alghero

 

Eros

Bastioni, Alghero

2 Comments

Leave a Comment

Accedi con



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: